il 15 settembre 2015 Asstel,  MISE, Infratel Italia e le tre OO.SS. di categoria delle telecomunicazioni Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil hanno sottoscritto il  “Protocollo d’intesa per l’occupazione e la legalità”.

Oggetto del protocollo sono modalità relative agli interventi di realizzazione di infrastrutture costituite da impianti in fibra ottica per una rete a banda ultralarga compresi negli Accordi Quadro conclusi da Infratel S.p.A. per conto del Ministero dello Sviluppo Economico con particolare riferimento a:

–       tutela delle situazioni di crisi occupazionale nel settore delle telecomunicazioni e delle attività economiche correlate e salvaguardia delle situazioni occupazionali nei bacini territoriali compatibili con le aree di sviluppo della Banda Ultra Larga (BUL);

–       tutela della legalità e sicurezza nei rapporti di lavoro e di contrasto al ricorso al lavoro irregolare nel settore degli appalti di lavori pubblici;

–       contrasto della corruzione per la trasparenza e l’integrità.

In pari data il MISE e Infratel Italia hanno sottoscritto un analogo protocollo con Assistal, le imprese che partecipano ai bandi di gara non aderenti alle Associazioni datoriali e i sindacati di categoria metalmeccanici Fim, Fiom e Uilm.