In evidenza, News

Roma, 30 giugno 2021. – “La Filiera delle Telecomunicazioni è pronta e partecipare in prima linea al progetto di digitalizzazione del Paese investendo sul capitale umano quale leva strategica di innovazione” – ha commentato Laura Di Raimondo, Direttore di AsstelAssotelecomunicazioni durante l’evento svoltosi in modalità ibrida “La prevenzione in linea. L’occasione del 5G” organizzato da Sapiens Tecnologici e che ha visto numerosi contributi da parte delle Istituzioni, del mondo scientifico e della Filiera delle Telecomunicazioni.

“Per Asstel, pertanto, è prioritario continuare a informare e formare sulle potenzialità e sui nuovi servizi che verranno abilitati grazie alla rete mobile di quinta generazione: dalle smart city, alle auto connesse, dalla realtà aumentata e virtuale all’Industria 4.0, dall’Intelligenza
Artificiale alla Blockchain, dai Big Data al Cloud, dalla telemedicina ai trasporti fino alle reti elettriche, sono solo alcune delle applicazioni concrete del 5G” – ha commentato Laura Di Raimondo.

“Oggi siamo decisamente più preparati ad accogliere il futuro e in questo scenario il 5G e le reti VHCN daranno un impatto rivoluzionario, fornendo un contributo significativo a settori chiave per lo sviluppo del Paese” – ha aggiunto il Direttore di Asstel – “competenze, innovazione, investimenti, servizi, generazione e ridistribuzione della ricchezza sono pertanto le parole chiave alla base di un’Italia più veloce e pronta a rimettersi in gioco”.

“Bene pertanto il PNRR, con il suo Piano Italia a 1 Giga compreso nel progetto Reti Ultraveloci e le semplificazioni in arrivo. Resta tuttavia fondamentale la necessità di armonizzare i limiti elettromagnetici agli standard europei e di investire nel capitale umano innovativo attraverso politiche attive e un patto per le competenze che preveda percorsi di formazione permanente, indispensabile per guidare la Trasformazione Digitale” – ha concluso il Direttore Laura Di Raimondo.