In evidenza, News

Ivrea, lunedì 3 febbraio 2020 – “Lo sviluppo della tecnologia 5G porta con sé una vera e propria rivoluzione digitale, che coinvolgerà l’intera società. Il sistema rappresenta per il nostro Paese una grande opportunità di crescita che renderà l’Italia ancora più competitiva e inclusiva” – ha commentato Laura Di Raimondo, Direttore di Asstel-Assotelecomunicazioni, l’Associazione di categoria che, nel sistema di Confindustria rappresenta la Filiera delle Telecomunicazioni – durante il convegno tenutosi oggi presso il Polo Universitario di Monte Navale a Ivrea, dal titolo “Ivrea smart city tra innovazione e sostenibilità. La città si informa”.

 

“L’integrazione delle nuove reti fibra-5G offrirà servizi che fino a oggi non avremmo mai potuto immaginare. Dal turismo alla sanità avanzata, dalla sicurezza dei cittadini al settore automotive, fino alla Pubblica Amministrazione. Le aziende sono sempre più alla ricerca di profili professionali nuovi. È dunque necessaria una veloce riconversione delle competenze all’interno delle aziende e di nuovi profili professionali per accompagnare la trasformazione digitale”.

 

“Imparare ad imparare è la priorità da porre costantemente al centro della nostra azione. La combinazione tra hard skills – competenze tecniche – e soft skills – competenze trasversali sarà sempre più centrale e bisognerà agire su tre pilastri: scuola e università, formazione e lavoro, transizioni professionali. Solo con la collaborazione tra tutti i livelli decisionali sarà possibile raggiungere l’obiettivo”.

 

“Sono molto contenta di tornare a Ivrea, terra di Adriano Olivetti, imprenditore illuminato che ha saputo credere e investire in un incredibile progetto industriale che ha reso il territorio un hub di innovazione già a partire dagli inizi del secolo scorso”, conclude il Direttore Di Raimondo.